27 agosto 2012

L'abolition du travail en tant qu'aliénation et activité séparée de la vie qui va

Mi è bastato il primo giorno di ritorno a lavoro per essere distrutto. Mi ero quasi dimenticato di quanto il dovermi svegliare alle 6, farmi 2 ore di viaggio, star 9 ore chiuso in ufficio a fare robe che non mi interessano e rubano tempo alla mia vita, farmi altre 2 ore di viaggio e tornare a casa alle 20 passate, sia un modo merdoso di passare le giornate. Mi sta già tornando la voglia di fare il disoccupato in qualche paesino dell'est europa dove costa tutto poco e sopravvivere con i risparmi che ho finchè durano e poi si vedrà. Non è che faccia un lavoro particolarmente faticoso, ma non sono decisamente fatto per lavorare. Ok, direte voi, nessuno è fatto per lavorare, o almeno in gran parte. No, io sono un caso disperato. La mia mente non riesce a stare concentrata per più di 5 minuti su quello che dovrei fare per imposizione. L'andare a lavoro mi distrugge fisicamente e psicologicamente, sono stanchissimo neanche avessi fatto una maratona di 5.000 km. In ufficio ho sonno, faccio fatica a parlare, sono indisponente con tutti ma lo maschero come meglio posso, se non lavorassi su un PC che mi permette di tenere i contatti umani al minimo e cazzeggiare abbastanza agevolmente, probabilmente non sarei resistito 4 e più anni. Non è che ho sbagliato lavoro, è il lavoro in generale che è sbagliato. Mica si può vivere passando tutte quelle ore della giornata senza potersi dedicare ai propri interessi. Se non ci fossero le cuffie con la musica alta e i libri da leggere in metro, probabilmente non ci salirei neanche, evitandomi di raggiungere un luogo di non-libertà. Trovare un lavoro collegato ai propri interessi? Mmmh, forse si, ma in realtà non è fattibile, se devo fare qualcosa perchè si deve fare e perchè deve darti uno stipendio a fine mese, diventa un dovere e non ho voglia di fare le cose se non sono io che decido di farle quando e come mi aggrada maggiormente. Si la vita è difficile e sono già fortunato e ok è vero, lo so, ma sono comunque stanco e comunque mi lamento che mi fa bene. Sono già le 22:30 passate e vorrei fare un miliardo di cose che non posso fare perchè massimo a mezzanotte mi conviene dormire, altrimenti domattina chi si alza? Vabhe, lamentele random di una prima giornata di lavoro, la smetto e gioco un po' a Borderlands che mi rilassa trovare le armi rare. L'abolition du travail en tant qu'aliénation et activité séparée de la vie qui va, résumée par un slogan, que Guy Debord s'attribue, écrit à la craie sur un mur du quai aboutissant sur la Seine de la rue de Seine en 1952 (à Paris) : « Ne travaillez jamais »


9 commenti:

  1. E' sempre l'annoso problema del lavorare per vivere o vivere per lavorare. Ai datori di lavoro piace di più la seconda XD

    RispondiElimina
  2. Concordo su ciò che dice Acalia, ma nel tuo caso non credo che ti impongano di vivere per lavorare. Ovviamente ognuno ha i suoi ritmmi e anch'io ho problemi di concentrazione, ma se non mi imponessi tutti i giorni di fare qualcosa sarei molto delusa di me stessa. Penso che mi piaccia lavorare perché non potrei vivere senza uno scopo. Lo so che magari è inutile tutto, ma mi sentirei inutile IO se no, e sarebbe peggio.

    RispondiElimina
  3. yotsuba zoppicante28 agosto 2012 13:24

    stesso problema con lo studio. 5 minuti di concentrazione e poi pausa... Le imposizioni sociali le vivi come qualcosa di intollerabile, nessuno ha il diritto di decidere del tuo tempo. Non potendo non lavorare la soluzione più saggia mi sembra quella di cercare un lavoro più vicino... quando riprendi i post lulz(osi) sulle offerte di lavoro??!!

    RispondiElimina
  4. @Acalia: i datori di lavoro solitamente sono tra le poche persone che sembrano avere poco altro da fare nella vita se non lavorare, misteri! Non sarò MAI un responsabile di qualcosa, mi rifiuto.

    @Clyo: quando non devo lavorare sono molto soddisfatto di me stesso perchè posso fare tante cose come e quando voglio ;P Per esempio nel tuo caso, potresti comunque avere uno scopo senza dover lavorare, disegnare quello che più ti pare e con i tempi che decidi tu.. sai che soddisfazione? ;P

    @Yotsuba: eh però in qualche modo anche con quel metodo son riuscito a laurearmi! ;P Il mio tempo è prezioso e limitato, sono contro chiunque me lo rubi. Il lavoro più vicino continuo a guardare ma senza troppa fretta, avendo conquistato il part-time che mi permette di fare weekend di 3 giorni, sento meno il peso di dover cambiare.. i post lulz sulle offerte di lavoro cominciavano a essere tristi come le poche possibilità di trovare qualcosa di decente, magari più avanti se mi viene l'ispirazione ne faccio altri :P

    RispondiElimina
  5. Secondo me ti poni male tu per principio..
    ..quando ti vengono sti 5 minuti di insofferenza alla vita pensa che, alla fine della fiera, il lavoro è solo un mezzo per poter fare quello che ti pare..
    ..sei tu che decidi per te stesso..senza lavoro non guadagni i soldi necessari per toglierti i tuoi sfizi, per mantenere la tua indipendenza.
    Anche perchè nessuno ti obbliga a seguire questi schemi..
    ..ce ne sono tanti che pigliano e se ne vanno a vivere in mezzo al nulla sopravvivendo come possono, riuscendoci pure..
    ..ma non possono certo permettersi di mantenere lo stesso tenore di vita che ha uno che lavora regolarmente.
    Uffa anche io voglio un lavoro >_<

    RispondiElimina
  6. Bentornata :)
    sicuramente sono insofferente per principio verso il lavoro e naturalmente è difficile vivere senza lavorare, ma sarebbe bello una via di mezzo che non mi distrugga a questo modo. Tipo lavorare un paio d'ore al giorno, da casa, quando voglio e guadagnare comunque a sufficenza per vivere decentemente ;P Potrei anche vivere in mezzo al nulla, però solo se c'è un collegamento internet. Per il tuo futuro lavoro, ti consiglio di informarti sull'agricoltura e l'allevamento locale!

    RispondiElimina
  7. In un certo senso è quello che faccio: disegno ciò che mi pare coi tempi che voglio... e fingo che vada bene così, ma non credo durerà.

    RispondiElimina
  8. Grazieeee =3
    Si vabbè..lavorare un paio di ore al giorno, da casa, e camparci pure..oh se ne trovi uno così fai un fischio!! =)
    Qualche commento più su hai accennato alla laurea,
    in cosa ti sei laureato?
    Non mi ricordo più se lo avevi già detto in qualche post passato =)

    RispondiElimina
  9. @Clyo: finchè dura è tutto ok, poi ci si inventa qualcosa e si incrociano le dita

    @Naushika: Laurea in scienze della comunicazione, ma non è che sia servita molto per trovare lavoro, più utile l'esperienza fatta per conto mio sul web tra siti, blog, forum e comunicazione online ;P

    RispondiElimina

Supporto Morale

Se apprezzi quello che scrivo e devi già fare un ordine da Amazon, entraci da questi banner e link prima di comprare; per te non costa nulla in più, a me arriva una percentuale :)




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...